Cushing canino (Iperadrenocorticismo)

Patologia: Cushing – Iperadrenocorticismo

Animale: Cane, York Shire Terrier di 10 anni, femmina

______________________________________________________

Iperadrenocorticismo e omeopatia: binomio possibile?

Test stimolazione con ACTH del 12-12-04: Cortisolo basale 125.00 nanomoli/lt (20-250), Cortisolo stimolato 888.00 >* nanomoli/lt (0-660)

Diagnosi: Iperadrenocorticismo (Sindrome di Cushing)

Racconto spontaneo: da alcuni mesi beve molto di più e mangia tantissimo. È diventata molto aggressiva e nervosa. In certi momenti cerca addirittura di mordere, cosa che prima non era mai successa. Non è mai stata molto complimentosa, ma mai aggressiva e cattiva come in questo periodo. Anche da piccola ha avuto degli episodi del genere, soprattutto quando aveva la tonsillite, ma pensavamo che fosse per il dolore. Un giorno si è girata per mordermi mentre l’accarezzavo, poi ha cominciato ad abbaiare fortissimo e alla fine ha avuto come una crisi con tremori e spasmi. Forse per la forte agitazione. Dopo l’intervento (OI, ndr) ha avuto un altro periodo così. Era nevorsissima e mordeva. Da alcuni mesi abbiamo notato che mangia e beve tantissimo, è voracissima. Ha anche cominciato a perdere il pelo sulla schiena. Abbiamo paura che sia un fungo. È ingrassata e ha una pancia enorme, ma pensavamo fosse dovuto al’intervento e al fatto che è un pozzo senza fondo. Mangerebbe continuamente. Fame: Mangia di tutto, preferisce la carne e mangerebbe tantissimo pane. Ha un forte desiderio di pesce. Ultimamente ha avuto un cambiamento di preferenze alimentari: rifiuta il latte che prima desiderava. Dopo il pasto è molto più aggressiva di altri momenti. È insopportabile, non la puoi toccare che tenta di mordere. Varie: In questi ultimi mesi è diventata molto nervosa quando ci sono dei rumori in casa e fuori. Non sopporta che ci sia la televisione a volume alto perché comincia ad abbaiare e a grattare sulla cuccia. È innervosita dal collare anche se sa che la portiamo fuori a fare la passeggiata. Sonno: Cerca posti molto tranquilli della casa, come sotto al letto. Di notte cerca la nostra compagnia perché vuole salire sul nostro letto ma non vuole essere spostata altrimenti morde. Digerente: La digestione sembra regolare. Diventa molto nervosa dopo l’assunzione del cibo tanto da non voler essere disturbata. Da giovane ha avuto degli episodi di diarrea legati al cambiamento delle condizioni atmosferiche a al momento della dentizione. Cutaneo: Da alcuni mesi è comparsa una alopecia bilaterale simmetrica sulla regione dorsosacrale con pelle sottile e fragile. Nella regione inguinale la pelle è tesa e sottile per l’addome pendulo. Presenza di comedoni. Interrogatorio mentale:  è un cane timido, non ama molto la compagnia, anzi è infastidita quando in casa non c’è tranquillità, tanto da manifestare una certa aggressività nei confronti dei proprietari. Non tollera la presenza di estranei in casa. Non vuole essere accarezza e soprattutto durante le sue malattie ha manifestato aggressività se si cercava si accarezzarla o toccarla. Se viene sgridata reagisce violentemente abbaiando e aggredendo il proprietario che certi giorni proprio non può avvicinarla. Altre volte invece è tranquilla. Quando riposa in un posto della casa non deve essere disturbata, né spostata a forza. Ha un atteggiamento possessivo nei confronti del cibo che difende fino a mordere. Ha paura di stare al buio perché non sta da sola in una stanza senza luce. Non ama molto la compagnia come quando era giovane, perché non vuole essere accarezzata molto, mentre da piccola era praticamente sempre addosso. Vuole stare nella stanza dove sono i proprietari. Con gli altri cani gioca volentieri, ma ha degli sbalzi di umore improvvisi e per un nonnulla diventa aggressiva e attacca senza paura anche i cani più grandi. Non sopporta che ci siano estranei in casa.

Test di soppressione con alte dosi di Desametasone del 18-12-04: Cortisolo basale 192.00 nanomoli/lt (20-250), Cortisolo dopo 3 ore 54.30 nanomoli/lt, Cortisolo dopo 8 ore 20.10 nanomoli/lt

Scelta dei Sintomi Omeopatici:

MENTE – TOCCATO – avversione ad essere (MIND – TOUCHED – aversion to be).

MENTE – PAURA – buio, del  (MIND – FEAR – dark, of).

MENTE – IRRITABILITÀ – rumore, a causa del (MIND – IRRITABILITY – noise, from).

MENTE – TRANQUILLO; desidera stare (MIND – QUIET; wants to be) °°°

SINTOMI GENERALI – IMPROVVISA manifestazione (GEN – SUDDEN manifestation).

SIN GEN- CIBI e bevande – latte – avversione (GEN – FOOD and DRINKS – milk – aversion).

cushing12

1° prescrizione: Belladonna 15 CH, 3 granuli TID sciolti in poca acqua per 1 mese. 1° visita di controllo: Ci sono due cambiamenti sostanziali: Susy beve molto meno (circa 400- 450 ml die di acqua) ed è meno vorace. Continua con Belladonna 15 CH 3 granuli TID;

2° visita di controllo: L’assunzione di liquidi si è stabilizzata 400 ml al giorno. Glicemia 97 mg/dl. Permangono zone alopeciche bilaterali. Dal punto di vista comportamentale Susy è diventata più trattabile. In casa accetta di essere coccolata e in ambulatorio accetta le manipolazioni. I proprietari hanno notato una maggiore sensibilità ai rumori per i quali si spaventa, soprattutto al temporale. Inoltre sembra desiderare le uscite anche se sembra stancarsi più velocemente di prima. Per ora l’unico momento in cui rimane aggressiva è quando i proprietari la rimproverano oppure quando li sente litigare. sembra anche

diventata più sensibile al freddo. È dimagrita 2 etti. Continua con Belladonna 15 CH 3 granuli TID;

3° visita di controllo del 03-05-2005: si presenta in ambulatorio con una forte congiuntivite infiammatoria. La congiuntiva degli occhi è iperemica, lacrimazione e fotofobia. Il bulbo oculare è iniettato di piccoli vasi di colore scuro. Ultimamente è diventata molto freddolosa nonostante la stagione sia calda. Ogni volta che cambia il tempo dal secco all’umido presenta una tosse leggera. È nervosa quando c’è brutto tempo, soprattutto quando c’è una giornata fredda oppure piovosa. È dimagrita 500 g dall’inizio della terapia. Il pelo sta coprendo gran parte delle zone alopeciche. È diventata molto trattabile a tal punto che cerca la compagnia dei proprietari, soprattutto verso sera. Di notte dorme nella loro camera.

Test stimolazione con ACTH del 6-05-05: Cortisolo basale 72.70 Nanomoli/lt (20-250), Cortisolo stimolato 431.00 Nanomoli/lt (0-660)

I sintomi omeopatici caratteristici sono cambiati e sono cambiate anche le modalità che ora si presentano con chiarezza. Si è verificata la comparsa di nuovi sintomi intensi e chiari che non coprono più la similitudine espressa da Belladonna. Il caso sta procedendo verso le manifestazioni di patologie acute (congiuntivite), mentre l’aspetto comportamentale(mentale) sembra più equilibrato, pur mantenendo delle caratteristiche peculiari.

Scelta dei sintomi omeopatici:

OCCHI – INFIAMMAZIONE – CONGIUNTIVE.

OCCHI – INIETTATI – CONGIUNTIVA – scura, piena di vasi.

MENTE – COMPAGNIA – DESIDERIO, di notte.

SINTOMI GENERALI – TEMPO FREDDO – UMIDO – AGG.

cushing21

2° prescrizione: Calcarea phosphorica 200 K monodose in poca acqua per 3 giorni consecutivi. Visita di controllo: La congiuntivite si è risolta nell’arco di una giornata. L’occhio non è più iniettato. La fotofobia è scomparsa.

Visita del 12-01-2006: è dimagrita 1,5 kg. Il pelo copre le zone alopeciche del dorso. Beve circa 450 ml di acqua al giorno (glicemia 98 mg/dl). Rimane molto sensibile alle temperature fredde e alle giornate umide.

ANALISI DEI COSTI

Terapia omeopatica: Costo 1° rimedio (Belladonna 15 CH granuli – 2 tubetti): 5 € cad. = 10 €; Costo 2° rimedio (Calcarea phosp. 200 K Monodose): 6 €; Costo totale terapia omeopatica: 16 €.

Terapia con Mitotano (Lysodren®) Costo di una confezione da 25 cpr da 500 mg: 120 €; Terapia con Trilostano (Modrenal®) Costo di una confezione da 100 cps da 60 mg: 163 €.

Bibliografia

AA VV – Prontuario terapeutico veterinario, 4° Edizione 2004, EV.

Allen H.C. Encyclopedia of Pure Materia Medica, Encyclopaedia Homeopathica.

Boericke W., Pocket Manual of Homeopathic Materia Medica, Encyclopaedia

Homeopathica

Canello S., Teoria e metodologia omeopatica in Medicina Veterinaria, Ipsia

Ed., 1995.

Ettinger S.J. e Feldman E.C., Trattato di Clinica Medica Veterinaria, Antonio

Delfino Ed., 2000.

Hahnemann C.F.S., Organon “Dell’Arte del guarire”, Cemon Ed., 1999.

Morrison R., Manuale Guida ai sintomi chiave e di conferma, 1999.

Nelson R. e Couto C., Medicina Interna del cane e del gatto, EV, 1995.

Schmidt P., The art of case taking, Encyclopaedia Homeopathica.

Vithoulkas G., La scienza dell’omeopatia, Ed. Cortina, Verona.

David Bettio – Med Vet, Parma (Italy) – 53° Congresso Nazionale Multisala SCIVAC

Annunci