L’Omeopatia diventa scienza: una speciale scala cromatica rileva la presenza di potenze omeopatiche

L’Omeopatia diventa scienza: una speciale scala cromatica rileva la presenza di potenze omeopatiche.

Il dottor Steven Cartwright, formatosi come biochimico presso l’Università di Edimburgo, si è impegnato come ricercatore nel campo dell’Omeopatia per trovare metodi praticabili per dimostrarne scientificamente l’efficacia. Ha trovato quello che cercava utilizzando coloranti speciali.

Durante gli studi a Oxford, il dottor Cartwright si imbatté nell’Omeopatia per caso e ne rimase affascinato. Si è quindi chiesto per lungo tempo: ma come è stato possibile che una medicina che aiuta così tante persone sia così duramente osteggiata e sia stata dipinta come scientificamente implausibile? Nella sua ricerca peri comprendere meglio l’Omeopatia, ha cercato finanziamenti per un’idea avuta già nel 2007: rendere visibile la presenza e il comportamento delle potenze omeopatiche in qualche tipo di soluzione. Quando nel 2009 finalmente arrivarono i fondi per la ricerca, il dottor Cartwright iniziò i suoi esperimenti con i coloranti solvatocromici. La procedura di base non è nuova. Il lavoro con i rivelatori a chemiluminescenza dello zolfo era già stato pubblicato negli anni Ottanta.

Lo “spettrofotogramma” utilizzato dal Dr. Cartwright ha, secondo la sua spiegazione, polarità elettriche, e mappa lo spettro dei colori di tutte le lunghezze d’onda. Negli esperimenti è stato effettivamente possibile rilevare chiari cambiamenti nell’assorbimento della luce, non appena sono state analizzate potenze omeopatiche differenti (soprattutto di Arsenicum album). Sulla base di 40 diverse colorazioni, è stato possibile mappare i processi di queste soluzioni. Quando sono state aggiunte le potenze, la carica è aumentata e ogni volta si sono verificati cambiamenti di colore (a causa dei diversi legami H). Si è trattato di un approccio scientifico che ha dimostrato in modo decisivo l’esistenza di potenze omeopatiche in queste soluzioni. Oltre all’Arsenicum, sono stati effettuati test anche con SiliceaAntimonium crudum o Zincum – nelle potenze di C 30 (10-60 ) – C 200 (10-400 ) – 1M (10-2000 ) –  2M (10-4000 ) – 2CM (10-400000 ).

Altri gruppi di ricerca e altri tre centri in tutto il mondo, tra cui quello di San Paolo (Brasile), stanno attualmente svolgendo ricerche in questa direzione. Nel 2021, il dottor Steven Cartwright ha fondato il Cherwell Laboratory for Fundamental Research in Homeopathy a Oxford per continuare efficacemente il suo lavoro. Il prossimo obiettivo è quello di sviluppare un tipo di striscia reattiva, che semplificherebbe notevolmente il rilevamento.

Ecco la recente pubblicazione del dottor Cartwright su Research Gate  gli esperti possono giudicarla di conseguenza – “open minded”, se possibile.

Per il grande pubblico, il dottor Cartwright spiega brevemente e in modo comprensibile (video in lingia inglese)  come funziona l’omeopatia in questo video e anche il suo lavoro attuale  in questo secondo video.

Efficace e miracoloso

Un’esperienza che naturalmente è un po’ il pane per i denti degli oppositori, ma che corrisponde alla realtà, è una prova intrapresa con le potenze omeopatiche in un grande complesso lacustre. Qui, secondo il Dr. Cartwright, con l’aiuto dei metodi di colorazione sopra menzionati, è stato dimostrato che una potenza somministrata nell’acqua di un lago necessitava solo di circa 10 minuti per essere rilevabile in parti distanti del sistema lacustre. L’acqua come mezzo di informazione svolge quindi un ruolo di primo piano in questo “miracolo”. Questi fenomeni durano circa 72 ore. Gli “esperti” esclusivamente dogmatici-materialisti si stanno ovviamente sbellicando dalle risate. Ma si potrebbe anche citare un indiano che chiese a uno scienziato, scuotendo la testa: “Non puoi vedere l’amore al microscopio, quindi per te non esiste?”.

A parte questo, anche i rimedi naturali vengono studiati con procedure simili. In parole povere, l’osservazione della rispettiva bioluminescenza mostra che in vitro, con l’aggiunta di una sostanza – ad esempio una formula vegetale tibetana – questo “bagliore” si intensifica, cioè la rispettiva sostanza interagisce con i sistemi viventi o il materiale cellulare. Gli esperimenti condotti dal biofisico viennese Herbert Schwabl hanno fornito le prime basi per ulteriori ricerche (ad esempio a Innsbruck) sui multicomposti puramente vegetali (miscele di molte sostanze) della medicina tibetana originale.

La lotta per il riconoscimento durerà…

Già nel 1996, il dottor Steven Cartwright ha scritto un interessante trattato sul posizionamento dell’Omeopatia con una conclusione puntuale: “… tutto ciò che dobbiamo fare è essere aperti a ciò che è possibile”. Tuttavia, è proprio questa apertura che manca ai “critici dell’Omeopatia”, ed è per questo che la loro argomentazione si sta muovendo in una direzione che sarebbe meglio descrivere come querula. I risultati di questi studi saranno ancora una volta descritti come insufficienti, insostenibili, ecc. mentre la complessità dei processi sottostanti non verrà nemmeno riconosciuta. La maggior parte dei pseudo-scetticii appare come un branco di bambini isterici con pale e secchielli, che non fanno altro che lanciare oggetti contro le loro controparti.

Possiamo solo riprodurre qui ciò che il dottor Steven Cartwright ha spiegato in termini elementari, nell’intervista al congresso di United to Heal. In futuro, si può sperare in (bio)chimici e fisici meglio orientati in materia. Ma naturalmente tali indagini sulle potenze non sono “prove” della loro efficacia sull’uomo… ecc. ecc. Lo stesso dottor Cartwright ha detto nella sua intervista: “La scienza dominante ci ascolterà mai?”. La domanda è giustificata, poiché indubbiamente ci sono sforzi guidati sullo sfondo per non riconoscere mai, in nessun caso, l’omeopatia come efficace o addirittura scientifica – qualunque sia il costo… 

Tuttavia, dà grande speranza vedere come sempre più omeopati in tutto il mondo siano diventati pronti a combattere, anche grazie al Covid. È vero che allo stesso tempo è necessaria una ricerca più seria e anche in questo caso la rinuncia non è un’opzione, come dimostra in modo impressionante il lavoro del dottor Steven Cartwright e di molti suoi colleghi..

FONTE: https://generiamosalute.it/omeopatia/lomeopatia-diventa-scienza-una-speciale-scala-cromatica-rileva-la-presenza-di-potenze-omeopatiche/?fbclid=IwAR1GJKQgMendBbi-zTlrd6NpKMmlfag7Z-vg3nQ8NV1I_uKdi7vwPwDTskQ

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...