Antibiotici inutili contro la tosse, lo prova maxi studio

pilloleSenza rischio polmonite sbagliato darli, più effetti collaterali e superbatteri

Antibiotici inutili contro la tosse, lo prova maxi studio

Per calmare la tosse gli antibiotici non servono. Se l’infezione respiratoria non nasconde una possibile polmonite, allora è meglio aspettare che passi da sola. Somministrare prodotti comuni come l’amoxicillina, quando non c’è il fondato sospetto di una complicazione batterica polmonare, produce più danni che benefici e favorisce lo sviluppo di ‘super germi’ resistenti alle terapie. La prova arriva dal team di Paul Little dell’università britannica di Southampton, a capo di un maxi studio europeo che ha coinvolto 12 Paesi tra cui l’Italia, pubblicato su ‘Lancet’ insieme a un commento di Philipp Schuetz, del Kantonsspital Aarau in Svizzera. La tosse che si accompagna a un’infezione delle basse vie respiratorie, ricordano gli esperti, è uno dei problemi più diffusi che arrivano all’attenzione dei medici dell’assistenza primaria. E benché nella maggior parte dei casi all’origine dei sintomi ci siano dei virus e non dei batteri, gli eventuali benefici della terapia antibiotica soprattutto nei pazienti più anziani sono ancora oggetto di acceso dibattito nella comunità scientifica. Per arrivare a una conclusione definitiva, lo studio coordinato da Little ha coinvolto 2.061 adulti con infezione delle basse vie respiratorie, senza complicanze. I pazienti sono stati suddivisi a caso in due gruppi, ai quali sono stati somministrati amoxicillina o placebo 3 volte al giorno per una settimana. Tra i due gruppi, riassumono gli autori, sono state osservate piccole differenze nella gravità e nella durata dei sintomi. E questo è stato osservato anche nel caso di pazienti over 60 in buona salute, sui quali l’antibiotico ha prodotto effetti molto limitati. Benché il 19,3% dei pazienti del gruppo placebo, contro il 15,9% del gruppo trattato con l’antibiotico, abbia manifestato un sintomo nuovo o il peggioramento di un sintomo preesistente, solo due pazienti del gruppo placebo e uno del gruppo antibiotico hanno avuto bisogno di un ricovero in ospedale. Inoltre, i pazienti trattati con amoxicillina hanno riportato in misura significativamente superiore (28,7% contro 24%) effetti avversi come nausea, diarrea ed eruzioni cutanee. “I nostri risultati – sottolinea Little – mostrano che la maggior parte dei pazienti supera spontaneamente l’infezione. Poiché però esiste un piccolo numero di malati che beneficerà dell’antibiotico, la sfida è individuare questi pazienti”. Secondo Schuetz, dallo studio europeo arrivano “dati convincenti che incoraggiano i medici della prima assistenza a evitare di prescrivere antibiotici a pazienti a basso rischio, senza un sospetto di polmonite”. In ogni caso, “misurare nel sangue specifici marcatori ‘spia’ di un’infezione batterica può aiutare a identificare i pazienti che potrebbero beneficiare dell’antibiotico pur in assenza apparente di polmonite, evitando inutili effetti collaterali, costi e sviluppo di batteri resistenti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...