Dermatite allergica

Patologia: Dermatite allergica

Animale: Cane, meticcio, femmina, 1 anno

Autore: Dr. David Bettio

Copyright ©  2009-2010  - Omeopatia Veterinaria - Dr. David Bettio, Med. Vet.

__________________________________________________

Generalità

Dermatite allergica è un termine generico per indicare un gruppo di allergie cutanee che possono essere scatenate da una moltitudine di fattori nei cani. Le allergie sono reazioni del sistema immunitario ad una determinata sostanza (allergene), che il corpo riconosce come estranea. Queste reazioni si verificano dopo l’esposizione iniziale all’allergene, con conseguente sviluppo di una ipersensibilità che provoca prurito e infiammazione in caso di esposizioni future. Le malattie allergiche sono determinate da una risposta anomala ed esagerata da parte del sistema immunitario. Il sistema immunitario è deputato a difenderci dall’attacco di microbi e di sostanze estranee al nostro organismo tramite la produzione di anticorpi o tramite l’attivazione  di cellule “difensive” come i globuli bianchi, i mastociti ed i macrofagi. La risposta immunitaria in soggetti normali avviene in modo armonico: dopo una prima fase di attivazione e azione contro le sostanze estranee, il sistema si auto controlla deprimendo le risposte esagerate e riportandosi  in uno stato di riposo. La presenza di sostanze banali e innocue presenti nell’ambiente (es. pollini di graminacee, acari della polvere, proteine alimentari ecc..). induce nei pazienti allergici (probabilmente a causa di una predisposizione genetica) una produzione esagerata ed incontrollata di anticorpi del tipo IgE e l’attivazione ed il richiamo di molte cellule “difensive”. Come esito si ha la presenza del prurito ed un danno a carico dei tessuti interessati. Il sistema immunitario essendo dotato di cellule memoria, ad ogni successiva esposizione del malato alle sostanze ambientali chiamate in causa, indurrà una recrudescenza della malattia.  La dermatite allergica causata dalla puntura di pulce (DAP), essendo riscontrabile a qualsiasi età, rappresenta senza dubbio la malattia allergica più frequente in cani e gatti. Rappresenta inoltre la principale causa del prurito e di lesioni dermatologiche in queste specie animali. La dermatite atopica rappresenta la seconda malattia allergica più vista e ha una incidenza pari al 10-15 % della popolazione canina. Si deve ricordare che questa malattia predilige alcune razze (dalmata, setter, i terrier in generale, i boxer, il pastore tedesco, lo sharpei, gli shih-tzu, il carlino ecc..) nelle quali l’incidenza risulta essere  più elevata. Si  rammenti inoltre che circa il 75% dei cani con dermatite atopica sono contemporaneamente colpiti anche dalla DAP. L’allergia alimentare interessa solo l’1-11% di tutte le malattie dermatologiche del cane e si sospetta essere più frequente nella specie felina, inoltre, spesso si trova in associazione alla dermatite atopica. La dermatite allergica da contatto è decisamente rara nel gatto ed interessa non più del 1-5% di tutte le malattie dermatologiche del cane.

Caso clinico

Il 21 Maggio 2010 viene in clinica Lady, femmina meticcio di 1,5 anni con una grave dermatite crostosa che coinvolge il muso, soprattutto la regione nasale, frontale e orbitale. La dermatite è fortemente pruriginosa caratterizzata da una ampia area crostosa e  piodermatite profonda.

I proprietari riportano che il 16 Maggio, pochi giorni prima, erano stati al mare come usualmente fanno e alla sera Lady aveva iniziato ad avere una grave dermatite eritematosa con forte prurito che si calmava con impacchi di acqua fredda. Il giorno seguente le lesioni si erano aggravate, la cute emanava un odore marcio, c’era presenza di pus e il prurito era ancora intenso. Portata Lady da un collega, veniva prescritto Fulcin© e Stronghold© in associazione ad un antibiotico ad ampio spettro.

Nonostante le prime cure la situazione rimaneva stabile.

Alla visita clinica al Centro Omeopatico, Lady non presentava nulla di anormale, se non la dermatite sul muso, ancora fortemente pruriginosa. All’esame microscopico dopo scarificato cutaneo non si evidenziavano parassiti cutanei (acari).

Viene prescritto RHUS TOX. 7 CH 3 granuli 3 volte al giorno sciolti in poca acqua e delle toccature a base di Calendula TM diluita in acqua.

1 1234 1 PELLE – ERUZIONI – vesciche 56
2 1234 1 PELLE – ERUZIONI – freddo – applicazioni di – migl. 1
3 1234 1 PELLE – ERUZIONI – eritema 21
4 1234 1 PELLE – ERUZIONI – pruriginose 155
5 1234 1 PELLE – ERUZIONI – erpetiche – screpolano, che si 28
6 1234 1 PELLE – ERUZIONI – erpetiche – umide 53
7 1234 1 PELLE – ERUZIONI – fetide 19
8 1234 1 PELLE – ERUZIONI – vescicolari 159
9 1234 1 FACCIA – ERUZIONI – Naso – intorno 21
10 1234 1 FACCIA – ERUZIONI – pruriginose – Naso 11
sulph. sil. rhus-t. sep. nit-ac. nat-c. graph. ars. merc. lyc.
8/20 8/13 7/18 7/17 7/12 7/11 6/13 6/12 6/12 6/11
1 2 2 3 2 1 2 2 2 2
2
3
4 3 2 3 3 3 1 3 3 2 2
5 3 1 2 3 1 1 1 1 1
6 3 2 3 3 1 1 3 1 3 3
7 3 2 1 2 2 2 2 2 2
8 3 2 3 2 3 3 2 3 2 2
9 1 1 3 2 2 1
10 2 1 1 1 1

Dopo 8 giorni di terapia con Rhus tox la dermatite si è totalmente asciugata e permangono alcune croste e zone alopeciche colpite dalla della forte infiammazione. Il prurito è scomparso ed è iniziata la ricrescita del pelo.

Viene prescritto GRAPHITES 30 CH 3 granuli. Dopo pochi giorni le croste sono scopasrse e rimangono solo delle aree alopeciche.

Dopo altre due settimane la cute è integra e il pelo quasi totalmente ricresciuto

Annunci

4 risposte a “Dermatite allergica

  1. salva, volevo sapere delle informazioni piu’ dettagliate su questa terapia. il rhus tox si deve ingerire? e x quanto tempo ? qui’ dice 8 giorni e poi si deve sospendere e continuare la terapia con la graphites dice solo 3 granuli , volevo sapere quante volte al giorno si deve ingerire e x quanto tempo. il mio cane a la dermatite e vorrei fargli fare questa cura le sarei grata se potreste rispondermi il prima possibile . cordiali saluti e grazie .

  2. Gentile Antonella, la terapia imposta per il caso che ha visionato, è una terapia specifica e quindi se la applica al suo caso potrebbe non essere efficace. se mi dice dove abita, le posso segnalare il collega omeopata in zona. Cordialmente, David Bettio

  3. il mio cane ha le stesse macchie,ho fatto fare tutte le analisi,test filariosi,lesmaniosi,vaccini correlati,test micologico,la mia veterinaria pensa sia un tipo di rogna e le ha messo due fialette,ho speso un botto di soldi e non ho concluso nulla.é da gennaio che cerco di farlo tornare in salute come questo cagnolino ma niente da fare…

  4. mi spiace molto per il suo cane. se vuole una terapia omeopatica le consiglio di rivolgersi ad un veterinario omeopata competente. David Bettio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...